Published on Gennaio 21, 2022

Scatta in Europa l’obbligo della Scatola Nera, ma non solo!

L'Europa accelera sul fronte della sicurezza stradale: dal 6 luglio 2022, infatti, tutte le auto di nuova omologazione dovranno essere obbligatoriamente dotate di nuovi sistemi di sicurezza. Queste tecnologie diventeranno poi obbligatorie anche per tutte le auto di nuova immatricolazione dal 7 luglio 2024.

Il Regolamento europeo 2019/2144 prevede infatti che, oltre alla Black Box (non disattivabile e protetta da possibili manomissioni) il mezzo dovrà essere dotato dell’Intelligent Speed Assistance, il sistema di adattamento intelligente della velocità e dell’Alcolock, il dispositivo che impedisce l’avviamento dell’auto se il guidatore ha un tasso alcolemico fuori legge.

Significa, in poche parole, che a decorrere dal 6 luglio 2022 nei Paesi UE, Italia compresa, potranno costruirsi solo auto e veicoli commerciali leggeri con queste tecnologie incorporate di serie e dal 7 luglio 2024 si potranno vendere solo vetture (nuove) di questo tipo. Nel 2029 l’obbligo sarà esteso ai mezzi pesanti. Dato che le norme sono inserite in un Regolamento, non c'è bisogno che i singoli stati membri lo recepiscano con una legge. Diventa valido in automatico per tutte le nazioni dell'Unione. 

Il progetto di un dispositivo di sicurezza applicabile alle auto non è proprio una novità. Si tratta, infatti, di un servizio che Viasat offre da diversi anni ai propri Clienti con le Black Box assicurative o gli antifurti satellitari, garantendo un’assistenza H24 in caso di incidente, grazie alla propria Centrale Operativa. Se il sistema di bordo rileva un urto, invia immediatamente un alert automatico alla Centrale che potrà così attivare tempestivamente i soccorsi laddove necessario.

Servizi che si sono ulteriormente sviluppati, fino ad arrivare alla Scatola Nera di ultima generazione capace, tra l’altro, di fornire informazioni preventive agli automobilisti sulla rischiosità potenziale delle diverse direttrici stradali, in funzione di una serie di fattori monitorati come traffico, limiti di velocità, condizioni ambientali e metereologiche, strade pericolose e tratte ad alto rischio incidenti.

Insomma, se la sicurezza delle nuove auto sarà di serie, per tutte le altre ci penserà ancora Viasat!

Per maggiori informazioni >

Related news

Torna su